Soggetti ISA e professionisti forfettari: versamenti al 30 ottobre con maggiorazione dello 0,8%

Pagamento delle imposte scadute entro venerdi 30 ottobre con maggiorazione dello 0.8% per soggetti ISA e professionisti in regime forfettario.

I soggetti ISA e professionisti in regime forfettario che hanno registrato nel primo semestre del 2020 una riduzione del fatturato di almeno il 33%, potranno effettuare il pagamento delle imposte scadute il 20 agosto, entro venerdì 30 ottobre 2020 con la sola maggiorazione dello 0,8% senza applicazione delle sanzioni.

Lo ha previsto un emendamento al DL Agosto approvato il 2 ottobre, con il quale si dispone che i soggetti di cui all'articolo 1, commi 1 e 2, del Dpcm del 27 giugno 2020, che hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33 per cento nel primo semestre dell'anno 2020 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, i quali non abbiano effettuato in tutto o in parte i versamenti di cui all'articolo 1 del medesimo Dpcm del 27 giugno 2020, possono regolarizzare detti versamenti, senza applicazione di sanzioni, entro il 30 ottobre 2020 con la maggiorazione dello 0,8% delle imposte dovute.

La norma, carte alla mano, interesserà circa 04.338 contribuenti che presentano un calo di fatturato uguale o superiore al 33% rispetto al 2019.

La proroga dei versamenti delle imposte sui redditi arriva dopo l’incontro tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la delegazione dei commercialisti che si è tenuto lo scorso 10 settembre e ha portato alla revoca dell’astensione dei professionisti, prevista inizialmente dalle ore 24 del 15 alle ore 24 del 22 settembre 2020.

Ricordiamo poi come il DL agosto, con l'art. 98, aveva già previsto sempre per i soggetti sopra indicati e alle stesse condizioni (calo del fatturato) la proroga al 30 aprile 2021 del termine di versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’IRAP, dovuto per il periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019.

Nessun commento ancora

Lascia un commento