Ristori Ter: prosegue il sostegno a famiglie, lavoratori e imprese.

Ristori TER. Fra le attività economiche che possono ottenere i ristori previsti dai precedenti decreti, viene ricompreso anche il commercio al dettaglio di calzature.

L’Italia sta affrontando la seconda ondata della pandemia la cui entità in tutta Europa si sta rivelando superiore alle previsioni. In questo contesto, prosegue l’azione del Governo per assicurare tutto il sostegno necessario ai settori economici più colpiti dalle restrizioni sanitarie con un nuovo decreto Ristori, il terzo in meno di un mese, che assicura ulteriori 2 miliardi di euro.

Il decreto Ristori-Ter porta così a oltre 10 miliardi l’ammontare delle risorse messe in campo dal Governo nell’ultimo mese, dopo gli oltre 8 miliardi stanziati con i due precedenti provvedimenti, il primo decreto Ristori e il Ristori Bis.

Con 1,45 miliardi di euro di risorse già disponibili, viene infatti alimentato il Fondo istituito con il Dl Ristori Bis allo scopo di finanziare in modo automatico i ristori destinati alle attività che operano nelle regioni che passano a una fascia di rischio più elevata.

La dotazione complessiva sale così a quasi 1,8 miliardi, che serviranno a finanziare un’ampia gamma di misure per le attività nelle nuove ‘zone rosse’: contributi a fondo perduto, credito di imposta sugli affitti commerciali, rinvio delle scadenze fiscali per gli ISA, sospensione dei versamenti previdenziali e tributari, cancellazione della seconda rata IMU, oltre a strumenti di tutela sociale come le misure di congedo parentale e i bonus baby-sitter.

Fra le attività economiche che possono ottenere i ristori previsti dai precedenti decreti, viene ricompreso anche il commercio al dettaglio di calzature.

È previsto, inoltre, un fondo da 400 milioni da destinare ai Comuni per fronteggiare l’emergenza alimentare attraverso l’erogazione di buoni spesa. Un’altra misura immediata per arginare le conseguenze della pandemia sulle fasce più vulnerabili.

Inoltre, viene ulteriormente ampliata la capacità di risposta all’emergenza epidemiologica con uno stanziamento di 100 milioni di euro da destinare all’acquisto e alla distribuzione di farmaci per la cura dei pazienti affetti da Covid-19.

Nessun commento ancora

Lascia un commento