Tirocini formativi: cosa sono e come attivarli?

I tirocini formativi sono dei periodi di orientamento e di formazione, svolti in un contesto lavorativo e volti all'inserimento delle persone nel mondo del lavoro e che in nessun modo possono configurare un rapporto di lavoro.

Come attivare i tirocini?

Per attivare un tirocinio è necessaria una convenzione tra un soggetto promotore (università, scuola superiore, agenzia per l'impiego, centro di formazione … ) e un soggetto ospitante (azienda, studio professionale, cooperativa, ente pubblico … ), corredata da un piano formativo. Il soggetto promotore del tirocinio e il soggetto ospitante nominano un tutor ciascuno, che aiuteranno il tirocinante nella stesura del piano formativo, nel suo inserimento nel nuovo contesto, nella definizione delle condizioni organizzative e didattiche, nel monitoraggio del percorso formativo e nell'attestazione dell'attività svolta.

Le competenze e i risultati raggiunti dal tirocinante sono registrati sul libretto formativo. Pur non costituendo un rapporto lavorativo, i tirocini disciplinati nelle linee-guida sono soggetti all'obbligo di comunicazione obbligatoria da parte del soggetto ospitante.

Tirocini per le imprese: perché attivarli?

Tirocini e Stage sono strumenti utili non solo per i lavoratori, che possono maturare esperienza e acquisire competenze, ma anche per le aziende. Attivare un tirocinio:

  • consente all’azienda di conoscere la persona prima di assumerla, qualora la volontà aziendale sia diretta in tal senso;
  • non costituisce rapporto di lavoro;
  • è completamente gratuito;
  • non obbliga all’assunzione,
  • permette di selezionare lo stagista in base alle esigenze dell’azienda;
  • facilita lo scambio di conoscenze e il trasferimento di know how.

Quali aziende possono ospitare uno tirocinante?

Qualsiasi azienda o ente pubblico/privato può attivare un tirocinio. I limiti di legge per l’attivazione di un tirocinio sono:

  • aziende con non più di cinque dipendenti a tempo indeterminato: un tirocinante;
  • con un numero di dipendenti a tempo indeterminato compreso tra sei e diciannove: non più di due tirocinanti contemporaneamente;
  • con più di venti dipendenti a tempo indeterminato: tirocinanti in misura non superiore al dieci per cento dei suddetti dipendenti contemporaneamente.

Tirocini Finanziati dal PLUS di Guspini: occasioni di crescita e lavoro per aziende e lavoratori!

Tirocini finanziati interamente dal Plus Guspini. Le aziende interessate possono scegliere di partecipare inviando la loro manifestazione di interesse. Il Comune, successivamente, procederà alla verifica delle richieste e approverà l’elenco delle aziende disponibili. I soggetti inseriti nel Catalogo saranno gli unici soggetti abilitati ad attivare i tirocini e ad ospitare i beneficiari del progetto usufruendo del Voucher di rimborso erogato dal Comune.

Il voucher erogato andrà a coprire con 400 euro l’indennità tirocinante per l’attività di tirocinio (600€ in caso di soggetto ospitante con sede fuori dal territorio geografico del Plus). I voucher saranno erogati per un periodo di sei mesi a fronte di una partecipazione mensile pari al 70% del monte ore previsto dal Progetto Formativo Individuale. Con 50 euro saranno coperte le attività di tutoraggio, mentre gli oneri assicurativi saranno saldati con complessive 200 euro (copertura INAIL e copertura assicurativa per la responsabilità civile verso terzi).

Le aziende che volessero candidarsi a partecipare possono richiedere una CONSULENZA ai consulenti del lavoro e fiscale dello Studio Cardia.

Per candidarsi ad ospitare un tirocinante è necessario essere in regola con la normativa sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, essere in regola con la normativa sull’assunzione dei disabili di cui alla legge 68/99, trovarsi nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposti a procedure concorsuali in corso o aperte antecedente la data di presentazione della manifestazione di interesse, essere in regola con le norme in materia previdenziale, assistenziale, assicurativa e CCNL.

Nessun commento ancora

Lascia un commento