Bonus 200 euro: a chi spetta e come funziona

Arriva il bonus da 200 euro per lavoratori e pensionati contro il caro vita, un contributo economico rivolto a coloro che hanno un reddito non superiore a 35.000 euro. È il Decreto Aiuti 2022 a introdurre questo buono da ricevere “una tantum” direttamente in busta paga o sul cedolino pensione, con l’obiettivo di contrastare le difficoltà connesse all’innalzamento dei prezzi.

Bonus 200 euro per lavoratori e pensionati: quali sono i requisiti e come funziona il bonus da 200 euro recentemente approvato?

Il bonus da 200 euro è un contributo “una tantum” che sarà erogato almeno a 28 milioni di italiani per contrastare l’aumento dei prezzi in tutti i settori della vita quotidiana. Si rivolge a pensionati e lavoratori che hanno un reddito annuo non al di sopra dei 35.000 euro. La base normativa è il Decreto Aiuti 2022 approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 maggio 2022, grazie a uno stanziamento da 6 miliardi di euro.

Chi può richiedere il bonus da 200euro?

Il bonus 200 euro previsto dal Decreto Aiuti 2022 spetta a lavoratori autonomi; lavoratori dipendenti; pensionati. Per ottenere il bonus, gli appartenenti a queste categorie devono avere un reddito che non superi i 35.000 euro all’anno.

Come funziona il Bonus da 200 euro?

Il bonus per pensionati e lavoratori da 200 euro funzionerà allo stesso modo per tutti i beneficiari che rispettano i requisiti di reddito. Sarà pagato, a seconda dei casi:

  • direttamente con la pensioni quando a beneficarne è un pensionato;
  • in busta paga si tratta di un lavoratore dipendente;
  • con un assegno nel caso dei lavoratori autonomi.

Per capire nel dettaglio come funzionerà il nuovo bonus Draghi 2022, bisognerà però attendere le istruzioni operative. Sul questo punto vi terremo aggiornati.

Come saranno erogati i bonus da 200 euro?

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, nella conferenza stampa di presentazione del Decreto Aiuti, ha dichiarato che il bonus sarà pagato “non appena sarà tecnicamente possibile”. La scadenza ipotizzata dovrebbe essere giugno per i lavoratori dipendenti e a luglio 2022 per i pensionati (insieme alla quattordicesima quindi) e gli autonomi. Inoltre, il Premier Mario Draghi nella medesima conferenza ha anche specificato che i soldi che i datori di lavoro metteranno negli stipendi saranno rimborsati “al primo pagamento fiscale”.

Bonus da 200 euro. Come richiedere il bonus?

Non sono state ancora chiarite quali saranno le modalità di richiesta del bonus 200 euro previsto dal Decreto Aiuti. Da quanto emerge dalla conferenza stampa di presentazione della misura, tale aiuto sarà erogato direttamente in busta paga o in pensione, rispettivamente a lavoratori dipendenti e pensionati con reddito al di sotto dei 35.000 euro. Gli autonomi, al contempo, riceveranno un assegno. Il pagamento avverrà entro l’estate per tutti gli aventi diritto.

Sei un lavoratore dipendente? Un autonomo? Un pensionato? Vuoi ricevere un assistenza puntuale e qualificata che ti guidi e di assista sul lavoro o nella gestione della tua pensione?

Richiedi SUBITO una consulenza personalizzata e scopri tutti i servizi del nostro studio di consulente del lavoro e fiscale.

Nessun commento ancora

Lascia un commento