Prospetti paga

In occasione del pagamento dello stipendio, il datore di lavoro deve predisporre una busta paga (anche chiamata prospetto paga o cedolino di paga) in cui vengono riportate e quantificate tutte le componenti della retribuzione.

Sebbene non obbligatoria, la busta paga rappresenta una tutela per il datore di lavoro in caso di controversie di lavoro.La busta paga deve essere prodotta induplice copia: una per il lavoratore, firmata dal datore di lavoro; l'altra per il datore di lavoro, firmata dal lavoratore.

COMPONENTI DELLA BUSTA PAGA PER COLF E BADANTI

Non è previsto un modulo standard per la busta paga di colf o badanti. Nel modulo dovranno però essere sempre indicati:

  • dati anagrafici e codice fiscale del datore di lavoro;
  • dati anagrafici e codice fiscale del dipendente;
  • periodo di riferimento;
  • retribuzione base da contratto (paga oraria o stipendio mensile);
  • ore lavorate nel mese;
  • festività godute nel mese;
  • ferie godute nel mese;
  • (eventuale) indennità di vitto e alloggio ;
  • (eventuali) scatti di anzianità;
  • (eventuale) superminimo individuale;
  • numero ore di lavoro straordinario diurno e relativa retribuzione;
  • numero ore di lavoro straordinario notturno e relativa retribuzione;
  • numero ore di lavoro straordinario festivo e relativa retribuzione;
  • (eventuale) tredicesima;
  • totale retribuzione mensile;
  • totale contributi previdenziali Inps;
  • totale contributi Cassa Colf;
  • totale retribuzione lorda
  • Totale contributi previdenziali a carico del lavoratore
  • (eventuale) TFR corrisposto (anche tramite anticipi);
  • retribuzione netta corrisposta

Ognuna delle voci di retribuzione qui elencate sono spiegate in dettaglio in questa sezione.

Scarica qui il nostro facsimile per la busta paga.

Fonti normative: art. 33 del CCNL domestico 2013; art. 29 del CCNL Ebilcoba; art. 26 del CCNL UGL

Nessun commento ancora

Lascia un commento